Anche il fumo occasionale è deleterio

fumo occasionale fa male

Un nuovo studio afferma: fumare un ridotto numero di sigarette al giorno ha sostanziali effetti negativi sulla salute

Brutte notizie per i social smokers, ovvero tutti quelli che si concedono qualche sigaretta nel weekend, durante una festa o semplicemente in una serata tra amici.

Non c’è una soglia di sicurezza

Indubbiamente sarebbe bello se si potesse approfittare di qualche tiro occasionale senza ripercussioni, ma la scienza ci dice che proprio non si può.

Secondo un nuovo studio del National Institute of Health americano infatti “fumare anche un ridotto numero di sigarette al giorno ha sostanziali effetti negativi sulla salute

Le persone che fumano una media costante di meno di una sigaretta al giorno hanno un rischio più alto del 64% di morire prematuramente rispetto a chi non ha mai fumato. Mentre chi quotidianamente ne fuma tra una e dieci, vede lo stesso rischio aumentare dell’87%.

I ricercatori hanno imputato il rischio di morte tanto a malattie respiratorie, come l’enfisema, quanto a patologie cardiovascolari.

Fumo fa male

Come giustamente ricordano le traumatizzanti immagini che campeggiano su ogni pacchetto di sigarette, i danni provocati dal fumo sono stati ampiamente dimostrati in numerosi e dettagliati studi, da quando nel 1964 un rapporto del U.S. Surgeon General ha correlato per la prima volta il tabagismo al cancro al polmone. Gli effetti sulla salute di poche sigarette al giorno invece, non sono mai stati oggetto di ricerche approfondite e molti fumatori ritengono che fumare con bassa frequenza non sia poi così deleterio.

I dettagli della ricerca

La ricerca ha preso in considerazione 290,000 soggetti di età compresa tra 59 e 82 anni ed una sua limitazione sta nel fatto che i dati non sono sperimentali ma fanno riferimento alla memoria dei soggetti, che potrebbe non essere infallibile andando indietro nei decenni.

In ogni caso, se stavate pensando di rinunciare alla vostra sigaretta occasionale è arrivato il momento. Abbandonare il vizio del fumo a qualsiasi età riduce significativamente il rischio di morire prematuramente.

Fonte: Inoue-Choi M, Liao L, Reyes-Guzman C, Hartge P, Caporaso N, Freedman N. Association of long-term low-intensity smoking with all-cause and cause-specific mortality in the NIH-AARP Diet and Health Study. JAMA Internal Medicine. December 5, 2016. DOI: 10.1001/jamainternmed.2016.7511

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *